CRUIPRO ed emergenza sanitaria COVID-19: insieme, con l’aiuto di Dio, ce la faremo!

 

 

(Fonte foto: Vaticanews)

Dall’inizio della drammatica emergenza sanitaria in corso tutte le Istituzioni della CRUIPRO si attengono alle ordinanze via via emanate dalle rispettive autorità, facendo riferimento alle indicazioni ricevute dalla Congregazione per l’Educazione Cattolica in ottemperanza alle disposizioni del Governo Italiano.

In questa situazione così difficile ed impegnativa la CRUIPRO esprime il proprio cordoglio e la propria vicinanza alle vittime del coronavirus e ai loro cari, e si sente profondamente solidale con tutti coloro che stanno soffrendo e con coloro che stanno operando in tanti modi per il bene comune e il contenimento del contagio. Ognuno in questi frangenti è chiamato a fare la sua parte con grande senso di responsabilità, sia evangelico sia civico.

Durante queste settimane, e fino alla conclusione dell’emergenza, sono attive presso tutte le Istituzioni della CRUIPRO varie procedure e sistemi per lo svolgimento della didattica alternativa a distanza attraverso l’utilizzo delle principali piattaforme digitali, e secondo la fisionomia di ogni realtà si opera in smart working. Un sentito ringraziamento a tutti i docenti e ai collaboratori del personale tecnico-amministrativo e bibliotecario per la loro fattiva collaborazione affinché il cammino formativo prosegua, nei modi che sono possibili, con dignità ed efficacia.

Durante l’Angelus di domenica 22 marzo 2020 Papa Francesco, facendo suoi i sentimenti di questi giorni in cui «l’umanità trema per la minaccia della pandemia», ha proposto a tutti i cristiani di «unire le loro voci verso il Cielo […] recitando contemporaneamente la preghiera che Gesù Nostro Signore ci ha insegnato. Invito dunque tutti a farlo parecchie volte al giorno, ma, tutti insieme, a recitare il Padre Nostro mercoledì […] 25 marzo a mezzogiorno, tutti insieme. Nel giorno in cui molti cristiani ricordano l’annuncio alla Vergine Maria dell’Incarnazione del Verbo, possa il Signore ascoltare la preghiera unanime di tutti i suoi discepoli che si preparano a celebrare la vittoria di Cristo Risorto».

Tutte le Istituzioni CRUIPRO, accogliendo questo invito e l’appuntamento di preghiera, si uniscono nella recita del Padre nostro mercoledì 25 marzo alle 12 ora italiana, e fanno proprie, applicandole alle loro realtà, le parole del Santo Padre: «alla pandemia del virus vogliamo rispondere con la universalità della preghiera, della compassione, della tenerezza. Rimaniamo uniti. Facciamo sentire la nostra vicinanza alle persone più sole e più provate. La nostra vicinanza ai medici, agli operatori sanitari, infermieri e infermiere, volontari… La nostra vicinanza alle autorità che devono prendere misure dure, ma per il bene nostro. La nostra vicinanza ai poliziotti, ai soldati che sulla strada cercano di mantenere sempre l’ordine, perché si compiano le cose che il governo chiede di fare per il bene di tutti noi. Vicinanza a tutti».

Insieme, con l’aiuto di Dio, ce la faremo!

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail